Bannersito1400x372def61440691377

Palamede, l’eroe cancellato

prima assoluta

ideazione, scrittura e regia di Alessandro Baricco
con Alessandro Baricco, Valeria Solarino,  Michele Di Mauro e con Paolo Bonato
concept audio e musiche originali Nicola Tescari
scenografia e luci Roberto Tarasco
costumi Giovanna Buzzi - Low Costume
prodotto da Elastica - live & comunicazione

Programma

E’ piuttosto raro incontrare qualcuno che conosca il nome di Palamede. Eppure, ai tempi, e cioè nei tempi leggendari della guerra di Troia, Palamede era uno dei più noti eroi achei: figura guida dell’esercito, inventore geniale, giovane ammirato e amato. Fu condannato a morte (ingiustamente) perché denunciato da Odisseo di aver venduto i piani di guerra achei ai troiani. Ovviamente era solo un duello all'ultimo sangue tra due élites intellettuali: vinse Odisseo che fabbricò false prove della colpevolezza di Palamede. Così il grande eroe fu lapidato e il suo nome sistematicamente cancellato dalla memoria: in Omero non appare neanche una volta. Eschilo, Sofocle ed Euripide lo celebrarono in teatro ma le tragedie andarono perdute. Ma Palamede era un personaggio geniale e la sua storia è arrivata ai giorni nostri in alcune narrazioni praticamente sconosciute che Alessandro Baricco ha raccolto e trasformato in uno spettacolo.

Quello che ho pensato, semplicemente, e di sottrarre all’oblio la storia di Palamede – scrive Alessandro Baricco che dello spettacolo è autore e regista -. Mi piaceva raccontarla, in qualche modo. Magari a teatro, ho pensato. All’inizio pensavo che ci fossero pervenuti pochissimi frammenti su Palamede. Poi ho scoperto che in realtà di lui si parla in molti testi, e in modo quanto meno sconcertante. Quello che ho deciso di fare, alla fine, è di montare in un primo monologo tutte le voci che ci sono giunte sulla strana storia Palamede: quasi un veloce, dinamico, brillante condensato di gossip. Ho preso soprattutto da tre autori: Filostrato (III secolo d.C.), Apollodoro (II-III secolo d.C.) e Ditti Cretese (70-80 d.C.). Poi, in un secondo monologo, ho adattato un bel testo di Gorgia da Lentini, In difesa di Palamede. E’ una perorazione piuttosto elegante, con alcuni tratti che io trovo molto teatrali. Ha il pregio, in ogni caso, di dare una voce credibile all’eroe cancellato, e di consegnarlo quasi in carne e ossa al lettore. 

Lo spettacolo, prodotto da Elastica. Live&Comunicazion, si sviluppa sostanzialmente in quattro parti: nel prologo lo stesso Baricco sarà in scena per inquadrare il personaggio, la storia e le vicissitudini, nella seconda parte entrerà Michele Di Mauro che narrerà le gesta dell’eroe greco costruendo un’architettura di cristalli, poi Valeria Solarino darà voce a Palamede nell’arringa di difesa prima di essere giustiziato. In chiusura, di nuovo Baricco con l’epilogo.