Hamlet-1400x3721467735826

Hamlet: a monologue

tratto dal testo di William Shakespeare
adattato da Robert Wilson e Wolfgang Wiens
musica Hans Peter Kuhn
interpretato da Robert Wilson

Video-film introdotto dall’artista
in inglese con sottotitoli in italiano

durata presentazione: 30 min. circa
durata proiezione: 2 h circa

Programma

Robert Wilson introduce la videoproiezione dello spettacolo da lui diretto ed interpretato nel 1995. L’opera di Shakespeare è per l’artista americano una “roccia indistruttibile” e nel suo personale approccio il testo ha preso la forma di un lungo flash-back. Lo spettacolo inizia, infatti, giusto prima della morte dell’eroe shakespeariano e finisce con le sue ultime parole. In quel momento prima di morire si riflette l’intera opera e nella sua voce si ritrovano le parole di Ofelia, di Gertrude e di tutti gli altri personaggi, come se tutta la tragedia si svolgesse nella mente di Amleto.

Nato in Texas, Wilson è uno dei maggiori uomini di teatro e video artisti al mondo. Il suo lavoro sul palcoscenico integra in modo anticonvenzionale diverse forme artistiche: danza, movimento, luci, scultura, musica, recitazione. I suoi lavori sono stati accolti con entusiasmo in tutto il mondo dal pubblico e dalla critica per la loro straordinaria forza estetica ed emotiva. A metà degli anni ’60, Wilson ha fondato a New York il collettivo “The Byrd Hoffman School of Byrds” firmando I suoi primi lavori come Deafman Glance (1970) e A Letter for Queen Victoria (1974‐1975). Nel 1976 ha scritto con Philip Glass il celebre Einstein on the Beach. Ha collaborato con molti scrittori e musicisti, tra cui Heiner Müller, Tom Waits, Susan Sontag, Laurie Anderson, William Burroughs, Lou Reed and Jessye Norman. Ha lavorato su capolavori come L’ultimo nastro di Krapp di Beckett, L’Opera da tre soldi di Brecht, Pelléas et Melisande di Debussy il Faust di Goethe, l’Odissea di Omero, le Fiabe di la Fontaine, Madama Butterfly di Puccini e La Traviata di Verdi. Disegni, dipinti e sculture di Wilson sono stati presentati in tutto il mondo in numerosissime mostre personali e collettive e fanno parte di importanti collezioni pubbliche e private.